• PubTop

    • VIDEO PORNO A LAVORO? DA OGGI È LECITO!



      Il fatto risale nel 2008, quando un operaio della Fiat è stato sorpreso intento a svolgere attività estranea alla prestazione lavorativa consistenti nella visione di video a carattere pornografico”. Così recita la sentenza.

      Una successiva ispezione ha inoltre portato allo scoperto tre dvd “porno” nell'armadietto dell’uomo. Da qui è inevitabilmente scattato il licenziamento.

      Nel 2011, però, questa sentenza è stata ribaltata dalla Corte di Palermo che ha decretato come illegittimo il licenziamento, ordinando alla Fiat il reintegro del dipendente.

      La Società ha però ritenuto il licenziamento una “giusta causa”, rivolgendosi alla Corte Suprema, la quale ha tuttavia dato ragione all’ex dipendente. I giudici di viale Cavour hanno infatti ritenuto legittimo guardare film porno sul luogo di lavoro, purché in pausa pranzo (l’episodio è avvenuto infatti in orario mensa). Il dipendente ammetteva di avere visto lo scorcio di un filmato durante la pausa mensa. Circostanza certamente diversa dall'aver impiegato l'orario lavorativo in attività diverse dalla prestazione.

      Dunque se anche passate la pausa pranzo in azienda, il vostro datore di lavoro non può interferire con la vostra privacy, qualunque cosa decidiate di fare. Come lavoratori, infatti, si è tenuti a garantire alla propria società una totale disponibilità solo durante l’orario lavorativo e non negli altri momenti, anche se fisicamente ci si trova sul posto di lavoro. Perciò, se volete farvi una pausa un po' particolare durante l’ora di pranzo, è tutto lecito!
    • Pub Bot

    • PUB

    • Partners

      Partners


    • home events calendar widget

      Calendario eventi

      • Programmi di affiliazione

        Programmi

        di affiliazione per guadagnare con un sito web

        Seguici su Facebook