• PubTop

    • Cameron sfida Google: stop al porno oppure vi blocco

      L'ultimatum č perentorio: filtri efficaci contro il porno, oppure censura fai da te.
      Il premier britannico David Cameron ha avuto parole dure contro il colosso di Mountain View, colpevole a suo dire di una politica troppo light e tollerante su pornografia & derivati.

      La richiesta č precisa: trovare anzitutto un sistema per arginare la pedopornografia, limitando la circolazione in rete di materiali sensibili e l'eccesso di volgaritŕ gratuita.

      L'ultimatum “scade” ad ottobre: il premier, infatti, ha promesso che entro l'autunno potrebbe scattare un provvedimento legislativo ad hoc. Le parole, pronunciate nel corso di un intervento alla Nspcc (National Society for Prevention of Cruelty to Children), accennano alle mosse legislative da mettere in atto: bloccare i materiali porno piů espliciti ed ambigui (dagli stupri simulati alla necrofilia), segnalare le keywords utilizzate dai pedofili e attivare un sistema di censura per immagini ambigue riguardanti bambini. Tutto attraverso l'utilizzo di un filtro automatizzato, che i motori di ricerca dovranno adottare.

      Non soddisfano le risposte di Google, Yahoo e Bing!, chiamati in causa senza mezze misure ad un'azione rapida. L'obiettivo, tuttavia, non č la censura moralizzatrice (almeno nelle intenzioni di Cameron), ma una vigilanza piů attiva ed orientata soprattutto alla protezione dei bambini.
    • Pub Bot