• PubTop

    • I siti adult: non siamo noi a fare spam!

      E' un luogo comune piuttosto diffuso: che i siti porno possano “infettare” il computer con malware e spam, infiltrandosi tra le maglie pił o meno aperte dei nostri terminali.
      I tempi saranno cambiati? Oggi il porno si difende a spada tratta, declinando ogni responsabilitą sulla turbata navigazione degli utenti web. E lo fa con due voci autorevoli dell'industria porno online, xHamster e Pornhub.

      Le dichiarazioni arrivano in replica alle accuse di Conrad Longmore, ricercatore che incrociando dati Alexa e Google ha attribuito ai siti porno la responsabilitą nella diffusione di malware e virus.

      I dati appaiono piuttosto espliciti: navigando su xHamster ci sarebbe ben il 42% di possibilitą di scaricare un malware, mentre con il pił sicuro youjizz il rischio si riduce al 2%.

      I due giganti dell'adult appaiono contrariati: vero, affermano, che in passato il porno sul web ha causato evidenti problemi alla navigazione. Ma siamo in tempo di bonaccia, ed ora la fruizione del porno online č pił sicura a 360°.

      Sui numeri impietosi xHamster ha una risposta: i malware sarebbero legati a partner pubblicitari problematici, per evitare i quali oggi č in atto un sistema di verifica delle inserzioni molto pił efficiente e sicuro.
    • Pub Bot