• PubTop

    • Eva Henger condannata per diffamazione a 8 mesi

      Avrebbe diffamato il suo avvocato...
      Su alcuni siti era stata pubblicata la notizia falsa in merito a un’indagine per truffa del suo avvocato

      Condannata a otto mesi di reclusione (pena sospesa) Eva Henger, l’ex pornostar ungherese, accusata di diffamazione dal suo ex avvocato, il barlettano Michele Cianci. La condanna è stata pronunciata dal tribunale monocratico di Barletta che ha anche sentenziato che la Henger dovrà pagare le spese legali e risarcire anche il danno procurato al suo ex legale (il quanto sarà stabilito in separata sede dal tribunale civile).

      Il processo nasce a seguito dalla pubblicazione, su alcuni quotidiani online fra cui TGCOM (Gruppo Mediaset) , della notizia successivamente di un’indagine a carico dell’avvocato per truffa e infedele patrocinio presso la procura di Monza, rivelatasi infondata. Cianci, secondo quanto dichiarato della pornostar Henger che, lo aveva dichiarato a diverse testate, aveva commesso i reati come legale di Nicolino Matera e di sua moglie Luciana Conti, che avevano prodotto il film «Bastardi» girato qualche anno fa nel Nord Barese con protagonista appunto la Henger.

      In passato, però, Cianci era stato anche il legale della Henger, ma il rapporto professionale si era chiuso con una serie di denunce reciproche. a seguito delle quali si è arrivato così alla pubblicazione di una notizia nella quale l’attrice parlava di una denuncia a carico di Cianci, rivelatasi falsa. L’avvocato Cianci chiaramente denunciò la Henger e ne nacque un’inchiesta affidata all’ex pm Achille Bianchi... le false dichiarazioni rese alle altre testate sono costate ora la condanna all’ex pornostar. Ora a Trani, in provincia di Bari, vi è a carico della Henger anche un’altra richiesta di rinvio a giudizio per calunnia, sempre in seguito a una denuncia dell’avvocato barlettano. Quest’ultimo era stato accusato di aver speculato sui contratti che chiudeva per la Henger con aziende locali e la cosa segnalata anche all’ordine degli avvocati.
    • Pub Bot